[NanoParty] Stay Away!

Secondo appuntamento per la sezione dedicata ai party game: Stay Away!, gioco di carte a tema horror ideato da Antonio Ferrara e Sebastiano Fiorillo (Escape Studios Team) in collaborazione con Pendragon Game Studio.

I giocatori (da 4 a 12) impersonano i membri di una squadra di recupero inviata sull’isola di R’lyeh per indagare sulla misteriosa scomparsa di un gruppo di archeologi. Giunti all’avamposto, un’entità malvagia, La Cosa, infetta uno dei componenti del gruppo. Gli altri dovranno scovarla e ucciderla, prima che riesca a infettare anche loro.

 

Componenti e Setup

Nella scatola, di dimensioni estremamente contenute, troviamo due scomparti in cui sono riposte le 109 carte, suddivise in:

  • 88 Carte Stay Away!
  • 20 Carte Panic!
  • 1 carta segnaposto

StayAway_componenti

Completa la scatola il manuale in italiano, chiaro, ben illustrato e fornito di esempi utili per i giocatori più inesperti.

lacosaIl setup prevede innanzitutto di includere nel gioco solo le carte riportanti il numero dei giocatori presenti al tavolo. Fatto ciò, si mettono temporaneamente da parte le carte Infetto, quelle Panic! e la carta La Cosa, e si mescolano quelle restanti. Da queste se ne prendono poi un numero pari a 4 volte il numero di giocatori – 1 (ad esempio in 6 avremo 23 carte) e si aggiunge la carta La Cosa. Il mazzo così ottenuto andrà mescolato di nuovo e distribuito ai giocatori, che così avranno una mano iniziale di 4 carte. Chi avrà ricevuto la carta La Cosa sarà l’”untore” della partita e vincerà solo se riuscirà a eliminare o infettare tutti gli altri giocatori.

 

 

 

 

Gioco

Ogni giocatore a turno esegue nell’ordine le seguenti fasi:

  1. Pescare una carta e aggiungerla alla mano;
  2. Se è stata pescata una carta Panic! bisogna giocarla immediatamente risolvendone gli effetti. Se, invece, è stata pescata una carta Stay Away! il giocatore può scartare coperta una carta dalla sua mano oppure giocarne una applicandone gli effetti e poi scartarla.
  3. Scegliere una carta Stay Away! dalla propria mano e porgerla coperta al giocatore del turno successivo (l’ordine di mano non è sempre lo stesso in quanto esistono carte Panic che lo invertono), il quale a sua volta sarà costretto a sceglierne una delle sue e dargliela in cambio. Se tra i due giocatori è però presente un impedimento, come la porta sbarrata o la quarantena, allora lo scambio non avviene.

20160521_235122

 

Lo scopo del gioco è diverso per i gruppi che sono stati formati:

  • Umani: a inizio partita tutti i giocatori sono Umani, tranne uno che impersona La Cosa. Il loro obiettivo è non farsi infettare dalla Cosa ed eliminarla con la carta Lanciafiamme. Uccidendo La Cosa, tutti gli Umani rimasti in gioco vincono. Tuttavia un Umano può essere infettato dal mostro quando questi gli passa una carta Infetto! In tal caso egli diventerà un Infetto e cambierà l’obiettivo del suo gioco;
  • Infetti: sono gli Umani che hanno ricevuto una carta Infetto! durante uno scambio con La Cosa. Essi dovranno collaborare con il mostro passandole le carte Infetto! in più che hanno in mano durante lo scambio (non possono infatti infettare direttamente gli altri giocatori). Essi condividono la vittoria con La Cosa quando questa riesce a contagiare tutti al tavolo. Gli Infetti sanno chi sia il mostro, ma non chi sia ancora Umano;
  • La Cosa: il giocatore che possiede la carta La Cosa (che dovrà conservare fino alla fine della partita) cercherà di trasformare tutti gli Umani in Infetti, sfruttando l’aiuto di questi ultimi. Egli è infatti l’unico che sa con certezza chi è un Umano e chi un Infetto.

stayaway_infettoIl cuore del gioco sono dunque le carte Infetto! con le quali La Cosa potrà infettare il proprio vicino di tavolo. Come procede allora il gioco se gli Infetti non possono a loro volta infettare gli Umani? E’ qui che entrano in gioco le altre carte Stay Away come “Guardati le Spalle” che inverte il giro, “Ruba il Posto” e “Dattela a Gambe” che fanno scambiare il posto al tavolo con un altro giocatore, oppure “Seduzione” che permette lo scambio con qualsiasi giocatore al tavolo.

Ovviamente ci saranno delle carte di impedimento, come la “Quarantena” e la “Porta Sbarrata”, o anche carte difensive con cui rifiutare uno scambio o sfuggire al Lanciafiamme ed evitare la morte. Eh si, in Stay Away! i giocatori possono essere uccisi ed eliminati definitivamente. Il gioco continua finché:

  • La Cosa viene eliminata: tutti gli Umani ancora in gioco vincono la partita, mentre La Cosa, gli Infetti e gli Umani eliminati perdono.
  • Nessun Umano resta in gioco: La Cosa annuncia che non è rimasto nessun Umano e tutti mostrano le carte. La Cosa e gli Infetti ancora in gioco vincono, ma se la partita è terminata con l’infezione dell’ultimo Umano, questi perde la partita insieme ai giocatori eliminati. Se però La Cosa contagia tutti gli Umani senza che nessuno venga ucciso, il mostro è l’unico vincitore della partita!

 

Considerazioni

Con Stay Away! ci troviamo di fronte un party game basato sul bluff, ben ambientato e realizzato. La confezione è compatta, ma contiene bene le carte ottimamente illustrate e perfettamente a tema.

Il divertimento è assicurato dalla tensione che si crea al tavolo, soprattutto per gli Umani che giocheranno senza sapere chi realmente è il proprio vicino e stando attenti ad ogni mossa per percepire qualche strano scambio. Inoltre ben presto cominceranno spostamenti furiosi di posto al tavolo, accuse e colpi di lanciafiamme!

La longevità e la rigiocabilità sono molto elevate: le partite non saranno mai uguali, soprattutto se il gruppo di gioco non sarà sempre lo stesso.

C’è qualcosa che non ci è piaciuto? Come in tutti i giochi ad eliminazione chi ha la sfortuna di essere eliminato presto sarà costretto a guardare gli altri che giocano, senza alcuna possibilità di vittoria. Inoltre chi viene ucciso non potrà essere mai vincitore, come accade invece in altri giochi con fazioni contrapposte.

Se a questo aggiungiamo che i tempi morti e la durata della partita possono essere elevati, soprattutto con un numero di giocatori vicino al limite superiore, non possiamo che consigliarvi di non superare i 10 giocatori. Così come anche giocare in meno di 6 rende la partita troppo rapida e piatta, con La Cosa che si troverà subito in difficoltà.

 

Il Giudizio del NANO:

Stay Away! riesce ad essere un ottimo gioco di bluff, semplice da imparare, sempre divertente e coinvolgente anche grazie alla sua particolare ambientazione. La rigiocabilità è molto elevata, mentre lo stesso non possiamo dire della scalabilità.

Se cercate un party game per trascorrere una serata all’insegna del bluff e magari gradite l’atmosfera horror, con Stay Away! non potete sbagliare!

In tre parole: Divertente, Contagioso, Lovecraftiano.

 

Per informazioni ed anteprime su altri giochi, vi consigliamo di andare alle sezioni dedicate alle NanoRecensioni e NanoAnteprime.

Se volete restare aggiornati sui nostri articoli e recensioni, cliccate Mi Piace sulla nostra pagina Facebook, aggiungete alle vostre cerchie il nostro contatto Google+ oppure il nostro profilo Twitter.

JoBel

SCHEDA GIOCO
Stay Away!
Pubblicato nel:2014
Num. giocatori:4-12
Durata:60
Età:12+
Editore:Pendragon Game Studio
Autori:Antonio Ferrara
Sebastiano Fiorillo
Board Game Rank:4694
Party Game Rank:340
Fonte dati BoardGameGeek
 

Lascia un commento

Seguici su Facebook